Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR)

Comune di San Pietro di Feletto

Via Marconi, 3 - 31020 San Pietro di Feletto (TV)
Tel.: 0438 4865 Fax: 0438 486 009
w: www.comune.sanpietrodifeletto.tv.it
e: segreteria@comune.sanpietrodifeletto.tv.it

vedi l'articolo in dettaglio
Comune di San Pietro di Feletto_Stemma

Descrizione

CENNI STORICI: Comune di San Pietro di Feletto è collocato a ridosso della dorsale Pedemontana sui soleggiati colli che si scorgono a nord di Conegliano. Feletto deriva dal latino "felix-icis", luogo ove abbondano le felci; infatti la zona era un tempo ricoperta da boschi ricchi di felci e di piante d'alto fusto: faggi, castani, roveri (riservati per l'arsenale di Venezia), ontani, aceri, betulle.Non mancavano tuttavia le superfici di terreno ricche di piantagioni di olivi e di viti, al punto che anche il doge di Venezia Francesco Foscari faceva cenno in una epistola del 1431 al “buon vino del Feletto”.La storia di questo territorio, di vocazione vitivinicola, comincia col cristianesimo verso il IV-V secolo, quando fu eretta la chiesa dedicata a San Pietro Apostolo, probabilmente sulle fondamenta di un precedente tempio pagano. Oltre che sul Feletto vero e proprio, la pieve si estese fin da principio su un territorio assai più vasto divenendo la casa della plebe cristiana di tutto il distretto comprendente anche Formeniga, Collalbrigo e Refrontolo.Di epoca più recente, ma di rilevante importanza storica, la presenza in località Rua di Feletto di un Eremo Camaldolese sorto sul Colle Capriolo nella seconda metà del Seicento ed oggi adibito a Sede Municipale. La storia dell’eremo iniziò nel 1670 allorchè il patrizio veneto Alvise Canal donò ai monaci eremiti di San Romualdo un’altura con annesso palazzo nobiliare. I monaci vi costruirono intorno la chiesa, 14 cellette, ognuna con il giardino, l’orto, i muretti divisori, i servizi e le mura claustrali. L’eremo divenne meta di pellegrini e uomini di cultura che ne apprezzarono la suggestiva ubicazione collinare e la ricca biblioteca.

COSA VISITARE
Pieve di San Pietro Apostolo: Chiesa rurale dedicata a San Pietro Apostolo, l’antica Pieve di San Pietro di Feletto è stata costruita ampliando le strutture di un precedente manufatto di epoca longobarda del quale rimangono alcuni fregi e tracce di affreschi.

Ex Eremo Camaldolese: A Rua di Feletto si possono ammirare le fattezze dell’antico eremo camaldolese di Colle Capriolo. La storia dell’eremo iniziò nel 1670 quando il patrizio veneto Alvise Canal donò ai monaci eremiti di San Romualdo un cinquecentesco palazzo nobiliare facendo erigere la Chiesa di Rua.

Chiesa di Santa Maria: La chiesa della Purificazione della Beata Vergine Maria presenta nel soffitto dell’aula alcune opere di Giovanni De Min, raffiguranti la Presentazione di Gesù al tempio, il Rriposo nella fuga dall’Egitto e la Visitazione, questi ultimi due dipinti in monocromia, tra gli ultimi lavori dell’artista, che morì nello stesso anno, il 1859. Interessante anche l’altare della Madonna del Rosario, che ha una pala del 1665

MANIFESTAZIONI: Sagra di San Pietro al parco: generalmente si svolge durante l'ultima settimana di giugno Festa della Birra e Calcio Saponato: divenuta ormai una tradizione, si svolge generalmente nelle prime due settimane di luglio Concerto di Natale con i tradizionali cori parrocchiali.

Dove ci troviamo


Ricerca

Cantine, ristoranti, strutture ricettive, prodotti tipici, attivitą commerciali...

Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene - P.I. 03780230268 | newsletter | privacy | © 2003 - 2017 StranoWeb.com™

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR)

"Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013, Asse 4 - Leader - Organismo responsabile dell’informazione: Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene - Autorità di gestione: Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi del Settore Primario"